Iraq - Parrocchia Gesù Cristo Lavoratore Casavatore (NA)

Menu
Menu
Vai ai contenuti

Iraq

C. Regale > Progetti

Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo;
se invece muore, produce molto frutto". (GV. 12,24)

Pietro Petrucci
Caporal Maggiore Esercito Italiano

N. 26/9/1981 M. 15/11/2003


Il 12 Novembre 2003 nell’attacco a Nassirya nel quale sono morti 19 italiani, vi era anche un giovane della comunità, Pietro Petrucci, 22 anni, il più giovane di tutti.
In quel periodo sul nostro paese è calata una nube di lutto, dolore, stupore e rabbia anche per chi non lo conosceva. Sono stati dei giorni particolari in cui la nostra chiesa era gremita di giovani, famiglie, oltre che tanti militari.
Il 15 Dicembre in occasione del trigesimo della morte di Pietro, il nostro parroco Padre Dario Ferraro ha proposto un gemellaggio tra la comunità religiosa cittadina e quella “angosciata e sofferente Irachena”.

“Se tutto finisse qui, il sacrificio di Pietro sarebbe stato inutile. Noi vogliamo invece che esso non venga dimenticato e vogliamo ritornare in Iraq: pensiamo di farlo con un gemellaggio con la chiesa di Bagdad, in particolare con la parrocchia di S. Giuseppe Patrono degli operai, dove c’è gente povera e disperata che ha bisogno di aiuto”, ha detto il nostro parroco ed ha precisato che “vi sono già stati contatti in merito con uno dei vescovi del posto, Monsignor Salomone”.

Dopo qualche settimana Padre Dario, a Roma, ha incontrato Monsignor Salomone, Vescovo ausiliare di Bagdad, il quale ha parlato con molta sincerità dell’attuale Iraq come di un paese ancora molto lontano dalla pace e dalla vera libertà.

Si è soffermato poi con entusiasmo sulla nostra iniziativa di gemellaggio, dicendo quanto l’abbia apprezzata poiché ne hanno veramente bisogno.

Con l'aiuto della nostra parrocchia sono iniziati, anche se lentamente, i lavori per la costruzione di un asilo. Le foto mostrano i lavori in corso... c'è ancora molto da fare, tutti possiamo contribuire a lenire le sofferenze di questi bambini facendo qualche donazione rivolgendosi a P. Dario.

Sono passati 5 anni dalla morte di Pietro e dal momento in cui la nostra famiglia Parrocchiale inizia un percorso di amicizia con Mons. Salomone Warduni. Un rapporto epistolare, fatto di complicate telefonate e mail difficili da inviare in una zona di guerra ed ancora sotto assedio. Fino alle visite del Monsignore nella nostra Parrocchia. L'ultima domenica 23 Novembre 2008.
La chiesa affollata, l'emozione palpabile e le parole del Vescovoche abbattono i muri dellindifferenza. Quella che ci fa credere che la guerra in Iraq sia una guerra lontana, che non ci tocca. "Dio è padre che ama, -ha detto il Monsignore durante l'omelia- malgrado tutte le difficoltà, perchè vuole che noi partecipiamo alle sofferenze di Cristo. Anche se talvolta viene la tentazione didire: perchè Signore? Perchè tutto questo? Cosa abbiamo fatto? Un anno, due, tre, quattro. Quanto ancora? qual'è la colpa di questi bambini che soffrono, di questi giovani che non sanno il loro futuro come sarà, delle famiglie costrette ad abbandonare la loro casa? Le difficoltà purificano e ci danno l'opportunità di essere fedeli a Cristo. Alla fine la carità rimane, tuitto il resto sparisce, rimane solo l'amore. Non è il Signore che ci manda la guerra. Sono gli uomini con la loro volontà fatta di egoismo e dei propri interessi. Cristo invece, ci ha dato la vita per donare a noi la vita eterna. Voi, quindi, potete, tutti insieme possiamo seminare la pace, la grazia e, soptattutto, il vero Natale che si avvicina.

Il 15 Novembre, in occasione dell'anniversario della morte di Pietro, Mons. Vincenzo Pelvi ha celebrato la Messa in suffraggio. E' venuto a conoscenza che la settimana successiva sarebbe stato tra noi Mons. Warduni, ha espresso il vivo desiderio di poterlo conoscere. L'incontro avvenuto nella nostra parrocchia, ha posto le basi per una concreta collaborazione soprattutto in riferimento alla possibilità che bambini che necessitano di cure e di interventi particolari possano essere curati in Italia.

DOCUMENTI

Torna ai contenuti